Menu

LONELY SERRENTI, ECCO LE FOTO PIU' BELLE DI SERRENTI

Nelle scorse settimane l'Amministrazione comunale di Serrenti ha promosso il concorso fotografico LONELY SERRENTI. 27 fotografi, provenienti da Serrenti, dai paesi vicini , ma anche dalla Germania, hanno inviato circa 180 scatti che possono essere visualizzati sulla pagina web http://www.facebook.com/media/set/?set=a.10151045960842768.454596.34177222767&type=1 La votazione è avvenuta sino al 31 agosto 2012 attraverso i "mi piace" degli utenti di facebook. Le foto più votate verranno inserite nella guida tascabile del Comune di Serrenti, di prossima pubblicazione. Le tre foto più belle di serrenti, che hanno ricevuto più voti, sono stati nell'ordine: Monica Massa (la Chiesa di San Giacomo all'imbrunire), Luca Becciu (la Piazza Chiesa in una vista notturna), Milena Marcinkowska (colline serrentesi).
Quando dal 24/07/2012 alle 08:35
al 01/10/2012 alle 23:35
Dove Serrenti
Aggiungi l'evento al calendario vCal
iCal

SCEGLI LA TUA FOTO PIU' BELLA DI SERRENTI collegandoti all'album http://www.facebook.com/media/set/?set=a.10151045960842768.454596.34177222767&type=1 e mettendo "mi piace" sulle tue foto preferite.
INVIA LA TUA FOTO DI SERRENTI all'indirizzo serrenti@gmail.com e sarà inserita nell'album insieme alle altre.
Scegli la tua foto di Serrenti e invita i tuoi contatti a fare altrettanto, hai tempo sino al 31 agosto 2012!

 

@ LONELY SERRENTI - STORIE DI SERRENTI

Storie di Serrenti

Serrenti si trova sulla SS131, 30 km a Nord di Cagliari (il capoluogo della Sardegna), adagiato su alcune colline di rocce laviche. L’uomo è presente nel territorio già nel periodo nuragico mentre il villaggio di Serrenti è ininterrottamente abitato sin dal ‘300. I primi documenti su Serrenti risalgono alle statistiche pisano-aragonesi sulle rendite in denaro, frumento e orzo.

Lo stemma del comune è un portale in pietra grigia che incornicia Monti Mannu e un campo di grano; con questi simboli si fa riferimento alla tradizione agricola del paese e all’estrazione e lavorazione della “pietra di Serrenti” con cui sono realizzate le case e i portali tipici che si trovano nel centro storico.

Contus de Serrenti

Serrenti s’agatat a su costau de sa SS 131, a 30 km a nord de Casteddu (capulogu de sa Sardigna), posta asuba de unus cantu cuccurus de roca lavica. S’omini d-oi biviat giai de su perìodu nuràgicu, mentras in sa biddixedda nc’ at biviu genti de sighiu inghitzendi de su 1300. 

Is primus documentus antigus chi chistionant de Serrenti funt is statìsticas pisanus-aragonesas a pitzus de is rentas in dinai e lori. Su stema de su Comunu est unu portali in perda de Serrenti chi ingurnissat Monti Mannu impari a una terra de trigu; cun custus sinnus si bolit arregordai su connotu agrìculu de sa bidda e sa storia de sa perda de Serrenti, cussa chi beniat imperat po ndi pesai is domus e is portalis chi s’agatant in su centru de sa bidda.

@ LONELY SERRENTI - LA CASA CAMPIDANESE

La casa campidanese

La casa campidanese, diffusa a Serrenti e nel Campidano, basa la sua tipologia costruttiva sulla realizzazione di un recinto all’interno del quale si svolgono le attività dell'uomo. L’accesso avviene attraverso una grande porta monumentale “su portali” che da’ l’accesso alla corte interna “sa pratza”; nella corte si trovavano le stalle per gli animali da lavoro, il forno e la cucina. Nel piano inferiore della casa si trovavano il loggiato e "sa domu de su strexu de fenu" utilizzata per ricevere gli ospiti e svolgere le operazioni legate alla panificazione. La casa era completata dalle stanze da letto, il cui numero variava a seconda della composizione del nucleo familiare e delle disponibilità economiche.

Sa domu campidanesa

Sa domu campidanesa, spainada a Serrenti e in totu su Campidanu, si fùndat in sa tipologia a corti, est a nai unu logu serrau innui s’acorrant  is animalis e si fadiat dònnia traballu. S’intrada fiat sinnada de una grandu ecca, su portali, chi donàt dereta a sa pratza; in gunis s’agatànt is acorrus po is bèstias de traballu, su forru e sa coxina. In su pranu de bàsciu de sa domu d-oi fiant: sa lolla e sa domu de su strexu de fenu, imperàt po arriciri is òspitis e po fai su pani. Sa domu teniat puru unus cantus aposentus po dormiri, tantus cantu fiant in domu e tantu cantu fiat su dinai a dispositzioni de sa famìllia.