Menu

TEATRO DI SERRENTI, GIOVEDI' 6 DICEMBRE 2012 h. 21:00 I FIGLI D'ARTE MEDAS PRESENTANO "BRUNILDE - CREPUSCOLO E FINE DEGLI DEI" - Ingresso € 5

Quando 06/12/2012
dalle 21:00 alle 23:00
Dove Teatro di Serrenti
Aggiungi l'evento al calendario vCal
iCal

Brunilde - Crepuscolo e Fine degli Dei, di Gianluca Medas

Tetralogia dei Media - Voci, Immagini, Danze, Musiche

Opera liberamente ispirata a L'Anello del Nibelungo di Richard Wagner

Video di Daniele De Muro con Barbara Bosa, Noemi Medas, Ramita Satta e con la partecipazione straordinaria di Carlo Porru

Stefania Sistu - voce

Michela Laconi - danze

Laura Cabras - corno

Andrea Congia - chitarra classica

Walter Demuru - live electronics

Francesco Medas - live electronics

L’intimo raccontarsi di Brunilde, fiera figlia di Wotan, che per aver disobbedito al padre, capostipite di uomini e dei, viene costretta ad un lungo sonno, dal quale si risveglierà soltanto grazie alla passione di Sigfrido.

Tutto lo splendore degli dei del Walhalla raccontato dai suoi protagonisti, che, affacciandosi da uno schermo quasi fossero divi (e non più divinità), sfogano le loro passioni ed espongono le proprie ragioni, trattando l’amore, la giustizia o la legge in maniera rigida e rigorosa, imponente, statuaria. Ma quanto luccica, questo impero? Quanto brillano, queste novelle celebrità, fin dove possono spingere il loro potere? Imbrigliati nel cinico intrico di ferree Leggi da loro stessi poste, i possenti dei di un tempo appaiono ora sterili: le rune sulle quali sarebbe dovuta sorgere la giustizia per il bene della civiltà degenerano, deformate dallo sguardo troppo severo di chi ha dimenticato come si ama, allontanandosi tanto dalle emozioni da non essere più capace di provarle. Resta solo un finissimo e delicatissimo filo di speranza, ineffabile e fragile, al quale aggrapparsi per salvare il mondo da un’incombente fossilizzazione, e questo sorge dalla passione che più di tutte si allontana dal rigore della legge e dalla precisione del dovere: l’amore. Saranno ancora capaci, gli dei, di amare? Un’originale commistione di media, un messaggio profondo gridatoci dallo schermo, dalla musica, dalla danza, dalla voce, una pulsante collaborazione di mezzi di comunicazione per invitarci ad aggrapparci alla brezza leggera dei sentimenti e sfondare così lo schermo di menzogne che ha ovattato la realtà: la giovane Noemi Medas, Brunilde nello schermo, racconterà quel poco di passione che si consuma nel crepuscolo, accompagnata verso il buio della notte da Ramita Satta nel ruolo di Frika, severa moglie di Wotan, da Barbara Bosa ad impersonare Waltraute, sorella di Brunilde, e da Carlo Porru, calato nei panni del più glorioso degli dei del Walhalla, Wotan. Anima visibile di Brunilde, la danzatrice Michela Laconi ne completerà il racconto esternandone le emozioni nel ballo, coronato dalla voce della cantante Stefania Sistu e dalla solenne Musica della cornista Laura Cabras. Il progetto musicale, curato da Andrea Congia, si avvarrà, oltre che della chitarra classica dello stesso, della collaborazione di Walter Demuru e Francesco Medas, produttori di Musica Elettronica. La realizzazione del Video, strumento fondamentale dello Spettacolo, è affidata al Videomaker Daniele De Muro.

Una sfida impegnativa, una sperimentazione ardita nella quale Gianluca Medas si è voluto cimentare per esplorare i nuovi, accattivanti, orizzonti permessi dal simultaneo uso dei diversi strumenti comunicativi.